Posts Tagged 'arresti Pro Patria'

Per la Pro Patria una bella “incastrata”: 4 arrestati, anche Ulizio padre in manette

E’ partita l’indagine “Dirty Soccer” un’altra pagina ancora una volta del calcioscommesse: ci sono 4 tesserati di stagione della Pro Patria, più Ulizio padre. Per l’ambiente non è una sorpresa, forse lo è per chi non voleva vedere.

4 tesserati della Pro Patria 2014-2015 sono stati arrestati: è partita l’inchiesta “Dirty Soccer”non è un fulmine a ciel sereno ma che nel girone di andata le cose non sono state fatte a regola d’arte era noto; questo concetto vagava nell’aria da mesi da settimane, poi c’era stato l’esposto di FederBet tutti sapevano…certo i dettagli non era facile metterli insieme: o meglio provarli ma quanti dubbi, sospetti, mugugni su molte partite finite con sconfitte nel girone di andata? questa notte è partita l’inchiesta “Dirty Soccer” da parte della Procura di Catanzaro dopo le indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, dopo mesi di lavoro e di sgrossatura su molteplici e migliaia di intercetazioni dove è occorso molto tempo per trascrivere e “sbobinare”, cavarsela non sarà facile. L’attuale portiere di riserva Melillo, gli ex giocatori mai rimpianti Ulizio (il girone di ritorno l’ha passato in tribuna a San Marino), Adolfo Gerolino l’indimenticato allenatore livornese Tosi autore di un palmares da Dicembre a Gennaio veramente invidiabile in sei partite un solo punto, sono stati arrestati questa mattina assieme ad altri tesserati e non per un “giro” di 50 arrestati, 70 indagati, in 20 provincie e 7 regioni : tra gli arrestati figurano anche i noti dirigenti “ombra” fino a Gennaio 2015 (operavano in seno alla società di via Cà Bianca sebbene non tesserati) Mauro Ulizio (operava fattivamente come D.G.), Massimo Carluccio (dirigente di fatto della Pro Patria). Il gruppo operava al fine di alterare i risultati delle partite per scommeterci sopra: era un vera e propria organizzazione criminosa: si interessavano di partite di Lega Pro e di Serie D, per quanto riguarda i colori biancoblu sono sottosservazione le gare di Cremonese-Pro Patria 3-1 (andata), Torres-Pro Patria 4-0 (ritorno), Pro Patria-Pavia 2-3 (ritorno), stranamente non sono incluse le partite di anadata con Pavia e Como con risultati e andamenti alquanto stravaganti. L’inchiesta è partita su una intercettazione di un presunto boss della ‘ndraghetta tale Pietro Iannuzzo il quale intratteneva rapporti con Presidenti, Dirigenti di società di calcio per “calibrare” al meglio il risultato delle partite. Ora che la Pro Patria è sull’orlo di un’insperata salvezza al termine di un’annata incredibile ci risiamo con il calcioscommesse: in una stagione tribulata per i colori biancoblu partita in modo incredibile all’ultimo secondo e in modo “fantozziano” e gestita per i primi 6 mesi ancor peggio. Perchè la proprietà ha permesso questa altalena di confusione e affarismo per poi riprendere in mano la situazione nel girone di ritorno? con risultati agonistici e tecnici che premiamo il lavoro. Il problema che ci sono di mezzo 4 tesserati Pro Patria che inficeranno la classifica a nostro malgrado: non bisogna correre troppo in avanti i processi nei Tribunali Civili e nei Tribunali Sportivi devono il loro corso e spesso e troppo di frequente sono condotti male e finiscono peggio. Cosa aspettarsi? non è difficile credere se si profetizzasse brutte faccende che si ripercuoteranno sui tigrotti e sulla Società. E poi che fine farà l’esposto presentato da FederBet al Tribunale di Busto Arsizio? sappiamo che anche lì le indagini sono in corso; quando si parte con le grosse inchieste tutto prende avvio. Il Procuratore Federale Palazzi si è subito allertato e sarnno dolori. Il calcioscommesse non ha mai fine dopo l’inchiesta di Cremona di soli 4 anni fa ci risiamo, ma quando finirà? per la Pro Patria è una bella “incastrata”.