BRAGHIN NELL’OCCHIO DEL CICLONE

Pro Vercelli, il tecnico Braghin è nell’occhio del ciclone

24.05.2011 11:45 di Massimiliano Marino   articolo letto 557 volte
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com

I giornalisti presenti nella sala stampa dello Speroni non ha avuto esitazioni nell’esternare a caldo le sensazioni imperanti dopo il 5-2 della Pro Patria ai danni della Pro Vercelli. La fiducia e l’ottimismo degli addetti ai lavori bustocchi andavano mischiandosi con lo sconforto e l’imbarazzo di quelli piemontesi il cui immediato giudizio ha partorito un’unica constatazione:Maurizio Braghin è la causa di questa imbarcata. Sono i numeri a definire come tale questa forte presa di posizione: in 32 partite di campionato, la squadra ha subìto 23 reti. In due occasioni la porta di Valentini è stata bucata due volte: la prima è valsa un pareggio contro la Feralpi Salò (2-2); la seconda, invece, una sconfitta contro il Lecco (1-2) all’ultima di campionato. Solamente in un’occasione le reti subìte hanno toccato quota tre ed il riferimento è allo 0-3 interno contro il Mezzocorona. Alla luce di tutto ciò, il 5-2 di Busto Arsizio è da considerarsi sì un’eccezione alla regola ma verificatasi proprio nel momento cruciale della stagione. Dunque, in molti hanno puntato il dito contro il tecnico Braghin, reo anche di aver schierato una formazione “sbagliata”. Tre le considerazioni emerse: l’inserimento di Schettino nell’undici titolare, una difesa impeccabile trasformatasi colabrodo nel giro di poche settimane e l’opinione unanime che il cinquantaduenne tecnico abbia perso il controllo della squadra. Più che le tre sconfitte e i due pareggi rimediati nelle ultime cinque partite, a pesare maggiormente sono infatti le inaccettabili condizioni fisiche e mentali con cui la squadra si è presentata all’appuntamento play-off. E così, la “grande favorita” rischia di anticipare le vacanze: vincere con tre gol di scarto contro Pacilli&Co. sembra infatti pura utopia. Il silenzio stampa promosso dalla società piemontese ha di fatto negato a tutti i giornalisti la possibilità di rivolgere al diretto interessato dubbi e perplessità emersi sui quali il Presidente Massimo Secondo ha preferito sorvolare (Braghin? In campo ci vanno i giocatori” ha dichiarato) salvaguardando in questo modo l’accusato. Almeno apparentemente.

Annunci

0 Responses to “BRAGHIN NELL’OCCHIO DEL CICLONE”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: