RISPUNTA PATTONI…

fonte http://www.varesenews.it

Massimo Pattoni, patron della Pro
Patria, rompe il silenzio degli ultimi
mesi e torna a parlare dopo che il
segretario Pino Iodice ha lasciato la
piazza bustocca
per approdare alla Nocerina. L’agente
immobiliare cremonese torna per
annunciare che a breve proverà a
riproporre una soluzione per la
società calcistica biancoblù delle
quali regge ancora le sorti e per dire
che qualcuno ancora interessato alla
Pro c’è: «E’ presto per parlare di
trattative ma posso confermare
l’esistenza di un soggetto che ha
manifestato interesse », parole che
faranno tremare i polsi a molti tifosi,
vista la scarsa fiducia che più volte
hanno manifestato nei confronti
dell’attuale compagine societaria.
Pattoni, dopo aver disertato ma
seguito in diretta web
l’assemblea organizzata dai
tifosi,
prova a togliersi qualche sassolino
dalla scarpa: «Dopo la visita in casa
della Guardia di Finanza
avvenuta il 3 marzo scorso – racconta
– non siamo più andati avanti nel
nostro piano di riassetto societario. Ci
riteniamo vittime di questa
situazione dopo che chi ci ha ceduto
le quote ci ha mostrato un bilancio che
non era veritiero». Secondo Pattoni,
dunque, sarebbe questa la causa che
ha fatto fuggire anche la famiglia
Giulini: «La due diligence che Giulini ha
fatto eseguire sui conti societari ha
confermato i nostri sospetti che
qualcosa non andava». Ma
l’amministratore unico sottolinea anche
il ruolo ostruzionistico nei suoi
confronti assunto dal mister
Raffaele Novelli e dallo stesso
segretario Iodice: «Abbiamo
denunciato Novelli per le minacce
che ha proferito nei nostri
confronti durante una telefonata e
non sappiamo che fine abbiano
fatto i soldi degli incassi di tutte
le partite della Pro Patria in casa
che non sono stati mai versati sul
conto della società. Anche quando
abbiamo richiesto i modelli C1 non ci
sono mai stati consegnati».
Dal canto suo Pattoni sostiene di
aver immesso nella società
liquidità per 250 mila euro usati
per pagare gli stipendi di giocatori e
staff tecnico e dirigenziale fino a
novembre 2010 «anche se non
spettava a noi pagarli» – specifica e
continua «abbiamo pagato noi le
trasferte e altre spese collaterali, ci
chiediamo che fine abbiano fatto,
invece, i soldi degli incassi».
L’amministratore della Pro Patria,
dunque, cerca di rimontare in sella al
cavallo imbizzarrito che è la Pro Patria
e annuncia, anche se a questo siamo
abituati, novità a breve. Se saranno
positive o negative non è dato saperlo
per il momento.
28/04/2011
o.m.orlando.mastrillo@
varesenews.it

in questi giorni anche il resp. Steward Iacopino si é dimesso. L’ultima allo Speroni é a rischio porte chiuse.

Annunci

0 Responses to “RISPUNTA PATTONI…”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: